Newsletter N. 24 23-3-2012 PDF Stampa E-mail

Newsletter dell'Associazione Ottavo Colle

N. 24, Venerdì 23 Marzo 2012


Riparte la newsletter !

Dopo alcuni mesi di blocco, dovuti a problemi tecnici e redazionali, riparte la Newsletter dell'Associazione Ottavo Colle, con nunerose e interessanti notizie.

Approvata la Convenzione urbanistica sull'I-60 ma i cittadini si preparano a impugnarla di fronte al TAR

A Ottobre 2011 è stata finalmente stipulata la convenzione urbanistica tra il Comune di Roma e il Consorzio di costruttori che intende costruire nel parco di Grottaperfetta il cosiddetto insediamento I-60 (dettagli qui). Senza nessuna considerazione neanche per la splendida villa romana e per i 600 m di strada in basolato perfettamente conservati, il Comune insiste nel voler permettere questo inutile intervento che sarà disastroso per la mobilità dell'intera zona.
Per impedirlo, visto il menefreghismo dei nostri amministratori e di quasi tutti i partiti, si è formato un comitato spontaneo di cittadini, denominato Cittadini per la Salvaguardia dei Beni Comuni, che si sta attivando per impugnare gli atti al TAR. QUI trovate l'appello e le istruzioni per aderire al ricorso.
Fatevi avanti, è necessario reperire i fondi, poche decine di euro a testa!

L'imbroglio della Tangenziale Kobler-Tintoretto

A Novembre vennero le assicurazioni del Sindaco, che soddisfacevano solo una parte dei comitati del Coordinamento MARS, in quanto non prevedevano un sistema di trasporto pubblico su ferro, ma solo (forse) la riduzione a due corsie di una parte della Tangenziale, da Via Kobler a Via di Vigna Murata.
Ovviamente questa variante, se verrà effettivamente realizzata, non risolverà i problemi del traffico pendolare in entrata nel nostro quadrante. Il progetto di variante per ora è fermo, e a quanto sembra la Città Militare non intende dare la disponibilità dell'area necessaria per evitare lo scempio sul Fosso della Cecchignola.
Vedremo.
Intanto però il Comune sta procedendo nella sua politica di favorire il traffico privato, con una manovra a dir poco irregolare. E' stata presentata una delibera per declassare il tratto di tangenziale che va da Via di Vigna Murata a Via del Tintoretto, da strada di scorrimento a strada di quartiere, MANTENENDO PERO' LA SEZIONE A 4 CORSIE, quindi sostanzialmente mantenendo la capacità di flusso e gli impatti di una strada di scorrimento.
Questa operazione è stata avallata in pieno dal Municipio XI che ha votato, il 28 Luglio 2011, senza un minimo di confronto con i cittadini,  il parere favorevole alla delibera sui progetti della Tangenziale, del Centro Commerciale e del grattacielo di 14 piani nel nostro quartiere.
La realizzazione della strada è ancora una volta appaltata ai privati, che lucrano e speculano grazie alla incapacità del Comune a realizzare infrastrutture. Le costruzioni sopra menzionate richiedono infatti una variante al Piano Regolatore, giustificabile solo dal  fatto che il costruttore realizzi un'opera pubblica, per l'appunto il pezzo di Tangenziale.
E' evidente l'intenzione di spezzettare l'opera, realizzandone pezzi in tempi diversi, dividendo i comitati (alcuni di quali ingenuamente accettano delle promesse pre-elettorali), per procedere poi nel disegno complessivo di creare le condizioni (la Tangenziale) per rendere edificabili i grandi spazi verdi privati ancora esistenti nei nostri quartieri, come la valle della Cecchignola.


Il giudice del TAR sta per esprimersi sul circolo sportivo

Entro l'estate si saprà l'esito del ricorso di 30 cittadini contro l'edificazione di un circolo sportivo privato su terreno comunale di due ettari nel Parco del Tintoretto, alle spalle del Carrefour. Anche qui ci sono manovre poco chiare.
Inizialmente il Comune ha autorizzato l'opera in palese conflitto con il Piano Regolatore, in quanto occupava le fasce di rispetto della Tangenziale, cosa che avrebbe costretto poi a realizzare quest'ultima a ridosso di palazzine esistenti, con ulteriore danno per i residenti.
Ora il Comune, che sembra avere degli interessi molto forti nella realizzazione dell'opera privata, prova a declassare la Tangenziale (ma come abbiamo visto solo formalmente, mentre la larghezza rimane identica), per rendere compatibile il cicolo sportivo con la strada, in un evidente tentativo di rimediare alle irregolarità iniziali.
A questo punto i cittadini si ritroverebbero il circolo privato E la tangenziale, chiamata strada locale, ma di fatto strada di scorrimento per 30.000 auto al giorno come previsto dagli  studi della STA.



Continua la nostra battaglia per il decoro. I primi risultati

Dopo le numerose e annose denunce di veicoli abbandonati e di cartelloni abusivi o irregolari, e dopo avere sollecitato più volte la polizia locale ad intervenire, si sono visti dei risultati. Tutte le auto abbandonate da noi segnalate, alcune oltre 2 anni fa, sono ormai state rimosse. Alcuni dei cartelloni segnalati sono stati sanzionati, e siamo in attesa di vederli rimuovere come previsto dalle norme.
Ringraziamo per questo l'On. Fabrizio Santori, Presidente della Commissione Sicurezza, che ha sollecitato in modo decisivo gli interventi. Lo stesso Santori ha ricevuto da noi un sollecito a provvedere alla soluzione di alcuni insediamenti di senza casa che stazionano in alcuni parchi del quartiere.
Abbiamo inoltre richiesto ed effettuato un sopralluogo nei parchi del quartiere Ottavo Colle, insieme al Sig. Miccò, dello staff dell'Assessorato all'Ambiente del Comune. Nonostante siano state verificate dal Sig. Miccò molte situazioni di degrado e incuria in tutti i parchi, ci è stato detto che, a causa della mancanza di fondi dell'Assessorato, potranno essere risolte solo 1-2 situazioni tra le più degradate. Vedremo.





Altre informazioni sul nostro sito.